venerdì 23 febbraio 2018

Inceneritore del Mela, per l'Elezioni Inviati ai Candidati Due Quesiti


Inceneritore del Mela, per le Elezioni Inviati ai Candidati Due quesiti sull'inceneritore del Mela

Manca ormai poco alle elezioni del 4 Marzo e molti cittadini della Valle del Mela si chiedono se, al di là delle generiche espressioni di contrarietà, i candidati del territorio siano davvero disposti ad impegnarsi per scongiurare il mega inceneritore di A2A.

Abbiamo quindi pensato che fosse necessario porre ai candidati specifici quesiti in tal senso e, una volta eletti, verificare il rispetto della parola data.

Il progetto dell’inceneritore del Mela è ancora in Consiglio dei Ministri, che molto probabilmente deciderà dopo il 4 Marzo se condividere il parere contrario del MiBACT o il parere favorevole della Commissione VIA, che peraltro contiene vari errori e travisamenti madornali.

C’è anche la possibilità che la decisione passi al successivo governo. In ogni caso, come abbiamo più volte ribadito, l’inceneritore è vietato dal Piano Paesaggistico, quindi un’eventuale autorizzazione sarebbe illegittima.

Nell'inviare i quesiti, abbiamo distinto il caso dei candidati del PD, partito che sostiene l’attuale governo, da quello dei restanti partiti.

Nello specifico ai primi abbiamo inviato i seguenti quesiti:

1) Si impegna ad avviare un’interlocuzione con l’attuale Governo affinchè capisca che questo progetto non può essere autorizzato, in quanto fortemente osteggiato dalla volontà popolare e vietato dal vigente Piano Paesaggistico?

2) Nel caso in cui la decisione passasse al successivo Governo, si impegna a far si che un eventuale futuro governo da lei sostenuto neghi ogni possibile autorizzazione dell’inceneritore?

Ai candidati degli altri schieramenti abbiamo invece inviato i seguenti quesiti:

1) Se venisse eletto, si impegna a far si che un eventuale futuro governo da lei sostenuto neghi ogni possibile autorizzazione dell’inceneritore?

2) Nel caso in cui l’inceneritore fosse già stato autorizzato, si impegna a far si che un eventuale futuro governo da lei sostenuto annulli ogni possibile autorizzazione dell’inceneritore, in quanto in contrasto con il vigente Piano Paesaggistico, oltre che con la volontà popolare?

Ecco la lista dei candidati a cui abbiamo inviato i quesiti:

Per il Centrodestra: Maria Tindara Gullo (Uninominale), Antonino Germanà (Forza Italia), Elisabetta Formica (Forza Italia), Carmela Bucalo ( Fratelli d’Italia), Giuseppe Sottile (Fratelli d’Italia), Carmelo Lo Monte (Lega), Marina Trimarchi (Lega).

Per il PD: Pietro Navarra, Giuseppe Laccoto, Fabio D’Amore, Natalia Cimino

Per il Movimento 5 Stelle: Alessio Villarosa, Angela Raffa, Francesco D’Uva, Antonella Papiro, Grazia D’Angelo.

Per Liberi e Uguali: Maria Flavia Timbro, Gaetano Tirrito e Francesca Pietropaolo.

I candidati dovranno rispondere entro martedì 27 Febbraio e successivamente verranno rese pubbliche le risposte (o le mancate risposte) dei vari candidati interpellati.

Le associazioni e i comitati contro l’inceneritore del Mela

Milazzo, il Campione Italiano Antonio Trio Ricevuto dal Sindaco


Il campione italiano di salto in lungo, Antonio Trio ricevuto dal sindaco Formica

Il sindaco Giovanni Formica e l’assessore allo Sport, Pippo Crisafulli hanno ricevuto oggi a palazzo dell’Aquila, Antonio Trio, l’atleta milazzese (è di San Pietro) del Cus Palermo che la scorsa settimana ha conquistato il titolo di campione d’Italia ad Ancona con un salto in lungo di 7metri ed 88 centimetri. Il primo cittadino ha espresso il suo plauso per la straordinaria prestazione, dicendosi orgoglioso che ancora una volta un milazzese abbia portato alla ribalta la città del Capo. Trio, classe 1993, che ad Ancona si è confermato l’atleta italiano di maggior talento, è figlio d’arte. Il padre saltatore in alto e lo zio mezzofondista. Ha cominciato la sua carriera sportiva nella pista dell’istituto industriale “Majorana” di Milazzo, passando poi all’Asd Atletica Villafranca per poi continuare con il Cus Palermo.

Il primo cittadino ha poi voluto “rivivere” con Antonio Trio le emozioni della straordinaria affermazione in terra marchigiana.
“Sinceramente non me l'aspettavo nonostante avessi la seconda migliore prestazione dell'anno – ha detto il neo campione italiano - perché dovevo giocarmela in primis con tre atleti col personale sopra gli 8 metri. Ho puntato più a fare le cose bene e costruire un salto sin dall'inizio, passo dopo passo. Già dal primo passo abbiamo visto che dovevamo migliorare la parte centrale, col seguente abbiamo studiato la fine e così via: un salto costruito. Dagli ultimi allenamenti abbiamo visto che per saltare lontano dovevamo strutturare tutti i passi del salto. Dovevo fare la mia gara al di là di chi c'era, perché sapevo di poter fare di più di 7.70. Sono stato anche sereno e ciò è risultato determinante”. Il milazzese ha confermato di aver ricevuto tantissime chiamate dagli amici e ovviamente anche da Milazzo. Ora il prossimo appuntamento saranno i campionati europei di Berlino della prossima estate.

Nel corso dell’incontro con gli amministratori mamertini si è parlato anche della possibilità di realizzare un evento sportivo a Milazzo. In particolare una gara all’aperto, in marina Garibaldi, magari in notturna, con i migliori atleti nazionali, che verrebbe inserita nel calendario Fidal e dunque con valenza ufficiale anche in termini di risultati. Un’idea che appassiona il sindaco Formica e l’assessore Crisafulli i quali hanno manifestato particolare interesse – anche per rendere omaggio al loro concittadino – annunciando che si metteranno da subito al lavoro per promuovere concretamente la manifestazione sportiva.

giovedì 22 febbraio 2018

Sosta a Pagamento Milazzo, il Consiglio Approva la Delibera


Sosta a pagamento, Consiglio approva la delibera inserendo degli emendamenti

Approvata in consiglio comunale la proposta di delibera contenente un atto di indirizzo del sindaco Formica sulla sosta a pagamento. Il provvedimento, assenti i consiglieri: Andaloro, Coppolino, De Gaetano Antonino, De Gaetano Francesco e Maimone, è stato votato in modo unanime dai 25 presenti in Aula. Al voto si è arrivato dopo diverse sedute e la presentazione di alcuni emendamenti, alcuni bocciati e altri ritirati. E anche la proposta esitata è stata notevolmente modificata da un ulteriore emendamento presentato nel corso dei lavori di questa mattina sempre dai consiglieri di opposizione.

La proposta formulata nell’atto approvato sostanzialmente prende atto della volontà dell’amministrazione d’istituire il servizio di sosta a pagamento autorizzando l’amministrazione alla gestione del servizio con lo strumento della concessione di servizio pubblico, da affidarsi nel rispetto e con le modalità di cui al D.Lgs.50/2016. Ciò in virtù del fatto che l’Amministrazione ha precisato che non appare ipotizzabile una gestione diretta del servizio di sosta a pagamento a causa della mancanza di personale alle dipendenze dell’Ente in numero sufficiente per assicurare il regolare svolgimento, e che, pertanto, l’esternalizzazione del servizio appare la modalità di gestione migliore in termini di efficienza, economicità ed efficacia.

Prima del voto tante schermaglie, tanti interventi ma poi alla fine è arrivata la sospirata fumata bianca tanto attesa anche dai lavoratori che sono stati presenti in Aula in tutte le sedute in cui si è trattato l’argomento e che ora sperano si possano porre in essere concretamente tutti gli atti necessari a far partire la gara per l’individuazione della ditta che dovrà gestire la sosta a pagamento.

Progetto Regione/Ancitel, Coinvolto Anche il Comune di Milazzo


Progetto Regione/Ancitel, coinvolto anche il Comune di Milazzo

Il Comune di Milazzo è stato inserito in un progetto per la valutazione dei rischi di Area con Piano di Gestione integrato e definizione del relativo Piano di comunicazione alla popolazione nell’ambito delle previsioni della direttiva Seveso 3.

L’iniziativa è stata promossa dall’assessorato regionale al Territorio ed Ambiente e dall’Ancitel e consentirà all’ente locale mamertino di avere a disposizione, a titolo gratuito un portale web dedicato alla comunicazione della cittadinanza, inerente alla tematica del Rischio di incidente rilevante; l’accesso ad una piattaforma GIS che ospiterà i dati cartografici raccolti in queste azioni progettuali e una App per la comunicazione nei confronti dei cittadini per gestire i casi di emergenza e di pericolo.

Dopo un incontro con i referenti del progetto il sindaco Giovanni Formica ha chiesto ai dirigenti dei competenti settori di voler individuare personale che dovrà essere coinvolto nel progetto e più specificamente nel settore Informatico, Tecnico/Urbanistico e della Protezione Civile.

I prescelti parteciperanno ad un costo di formazione che i rappresentanti di Ancitel terranno al Comune di Milazzo già nel mese di marzo nelle giornate programmate dell’8, 9, 19, 20 e 28 per un totale di 20 ore.

Milazzo, Atto di indirizzo dell’assessore Maisano per un impianto di compostaggio


Atto di indirizzo dell’assessore Maisano per un impianto di compostaggio a Milazzo

L’assessore alle politiche ambientali Damiano Maisano ha inviato agli uffici del dipartimento Ambiente un atto di indirizzo finalizzato all’individuazione di un’area di proprietà comunale da destinare alla realizzazione di impianto di compostaggio a digestione anaerobica.

“La legge – scrive l’esponente della giunta Formica - assegna ai Comuni la possibilità di procedere all'organizzazione ed alla gestione del servizio di raccolta e trasporto rifiuti. Come è noto in questi due anni e mezzo di attività, la nostra Amministrazione ha fatto sacrifici immensi per cercare di cambiare rotta nella organizzazione del servizio di igiene ambientale, riuscendo anche a far partire in modo efficace e soprattutto continuativo, il servizio “porta a porta” che è fondamentale per l’efficienza del servizio e soprattutto per contenere i costi a carico del cittadino. Nei prossimi mesi saremo a regime in tutto il territorio cittadino. Tuttavia sono note le criticità legate all’assenza di siti idonei per il conferimento dell’umido e quei pochi, ubicati fuori provincia, assicurano uno smalti-mento limitato, tant’è che già da qualche mese ci si ritrova in difficoltà.

Ritengo quindi indispensabile – prosegue Maisano - avviare un percorso di ottimizzazione della gestione della raccolta e conferimento dei rifiuti attraverso la realizzazione di impianti per il tratta-mento di tutte le frazioni sul proprio territorio comunale al fine di acquisire la maggiore indipendenza possibile da impianti terzi con conseguente riduzione dei costi e delle relative voci di spesa annualmente previste in bilancio. Ed in particolare risulta indispensabile prevedere interventi volti alla gestione ottimale della frazione umida che costituisce circa il 40% della massa complessiva dei rifiuti raccolti”.

L’assessore ritiene possibile individuare quali aree per ospitare l’impianto quella del CCR di contrada Masseria tornata nella disponibilità del Comune o la zona dove insiste il nuovo ed inutilizzato mattatoio comunale. “In merito ai costi invece si potrebbero immaginare soluzioni che coinvolgano i privati attraverso gli strumenti previsti dalla legge, per evitare ogni onere a carico del bilancio comunale”.

mercoledì 21 febbraio 2018

Parcheggi a Pagamento Milazzo, Decisione Rinviata a Domani Mattina


Consiglio comunale sui parcheggi, decisione rinviata a giovedì mattina

Decisione rinviata a giovedì mattina sui parcheggi a pagamento. La seduta di martedì sera infatti non ha portato alla votazione della proposta di delibera presentata all’Aula dal sindaco Giovanni Formica. Nessun voto neppure ai due emendamenti presentati dai contrapposti schieramenti politici. Il dibattito ha infatti assunto in alcuni momenti toni alquanto aspri e alla fine il presidente Nastasi ha preferito aggiornare i lavori anche per consentire che fossero apposti i pareri sugli stessi emendamenti.

Nell’ultima seduta è comunque venuto fuori quello che era emerso nel passato e cioè da un lato la posizione dell’ex opposizione, oggi maggioranza, guidata dal consigliere Midili che ha accusato l’Amministrazione dei ritardi accumulati e dall’altra quella del sindaco che ha ribadito la necessità di approvare la delibera da parte del consiglio perché ogni altro atto è conseguente ed ha posto l’accento sul fatto che il servizio è strutturato come percepite le esigenze della città.
In una posizione di muro contro muro Francesco Alesci ha auspicato che si faccia fronte comune per risolvere il problema e restituire così occupazione e dignità ai lavoratori “ausiliari del traffico”. 

Dopo avere registrato altri interventi sull’argomento da parte di Antonino De Gaetano, Nanì, Abbagnato ed Italiano, su proposta di Piraino si è dato luogo a una riunione dei capigruppo che ha preceduto il rinvio di 48 ore.

Milazzo, Domani Niente Acqua nell’Intera Zona del Borgo


Giovedì 22 febbraio niente acqua nell’intera zona del Borgo dalle 9 alle 14

Il servizio idrico integrato rende noto che nella giornata di giovedì 22 febbraio – dalle ore 9 alle 14 mancherà l’acqua in tutta la zona del Borgo e del Castello, compresa contrada San Giuseppe sino a piazza Roma per consentire agli operai di effettuare un intervento di riparazione alla condotta idrica in via Papa Giovanni XXIII.

Ci si scusa per il disagio.

Milazzo, Intimidazione Dipendenti Comunali. La solidarietà del Sindaco


Intimidazione a due dipendenti comunali. La solidarietà del sindaco Formica

Inquietante episodio giovedì pomeriggio ai danni di due dipendenti comunali in servizio all’ufficio “Patrimonio e Lavori Pubblici” nel plesso distaccato di via dei Cappuccini. Sconosciuti tra le 15,30 e le 18,30 approfittando del rientro pomeridiano dei due lavoratori, hanno preso di mira le loro autovetture, una Fiat 600 e una Mazda tagliando i pneumatici. L’episodio è stato denunciato questa mattina ai Carabinieri della stazione di Milazzo.

I dipendenti si occupano di diverse pratiche alcune delle quali particolarmente delicate come quelle che riguardano il patrimonio comunale.

Appresa la notizia il sindaco Giovanni Formica ha voluto esprimere la solidarietà sua personale e dell’Amministrazione Comunale ai due dipendenti comunali auspicando che “attraverso il prezioso lavoro delle forze dell’ordine, a cui si ribadiscono fiducia, sostegno ed incoraggiamento oltre che ringraziamento per il servizio reso alla comunità ed al territorio, venga fatta presto piena luce su un episodio deplorevole nei confronti di lavoratori impegnati anche in funzioni particolarmente delicate nel settore del Patrimonio comunale”.

martedì 20 febbraio 2018

Milazzo, Franco Scicolone nel Nuovo Cda della Fondazione Lucifero


Formica nomina Scicolone nel Cda della Fondazione Lucifero

Il sindaco Giovanni Formica con propria determina ha nominato Franco Scicolone rappresentante del Comune nel nuovo Cda della Fondazione Lucifero.

Scicolone ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale nel periodo 2010-2015 ed è stato vicepresidente della 2° Commissione consiliare. Da quasi un decennio è componente dell'assemblea territoriale di Cittadinanzattiva/Tribunale per i Diritti del Malato, e nel corso del congresso regionale dell'associazione nell’aprile 2016 è stato eletto segretario amministrativo regionale.

lunedì 19 febbraio 2018

Gli Ambientalisti: "La Raffineria cerca di Arrampicarsi sugli Specchi"


La Raffineria cerca di arrampicarsi sugli specchi pur di non fare investimenti per proteggere la salute dei cittadini e di chi ci lavora.

Le prescrizioni espresse dai Comuni di Milazzo e San Filippo del Mela sul rinnovo dell'autorizzazione alla Raffineria, stando a quanto appreso dalla stampa, sono la logica conseguenza delle note criticità sanitarie ed ambientali della Valle del Mela e, ne siamo certi, permetteranno di prevenire rischi per la salute.

Ma sono anche l’ennesimo prova che questo territorio si è finalmente svegliato e non è più disposto a subire. Di questo ne abbiamo avuto la certezza il 28 Gennaio scorso, quando 10 mila cittadinihanno riempito le vie di Milazzo per rigettare l'imposizione di un mega inceneritore in un territorio che negli ultimi 60 anni ha subito scelte industriali scellerate e che adesso vuole cambiare.

Nella valle del Mela è finalmente tornata la speranza: la speranza di bloccare l’inceneritore, ma anche di ridurre l’inquinamento esistente ed i rischi per la salute. E, se consideriamo anche le previsioni del Piano Paesaggistico, la speranza di uno sviluppo pulito che valorizzi e rispetti le potenzialità del territorio.

Secondo la Raffineria gli studi che dimostrano i rischi sanitari sarebbero ormai superati. Ciò non corrisponde affatto al vero: gli studi sulla Valle del Mela presenti nella letteratura scientifica internazionale sono tra i più recenti a disposizione e non sono affatto “datati”:alcuni sono stati pubblicati proprio mentre è iniziata la procedura autorizzativa in corso, vale a dire meno di due anni fa.
Si consideri che oggi la Raffineria è autorizzata ad inquinare come nel 2011, anno a cui risale la vigente Autorizzazione oggi oggetto di riesame. Autorizzazione che peraltro non indica nessuna prescrizione sanitaria nonostante le Amministrazioni già all’epoca fossero a conoscenza di alcuni gravi criticità sanitarie.

La Raffineria non è affatto credibile anche quando parla di prescrizioni “inattuabili”: già da più di un anno abbiamo evidenziato la possibilità di applicare tecnologie capaci di abbattere in maniera drastica le emissioni della Raffineria, ben oltre le raccomandazioni dell’OMS sulla riduzione del 50% rispetto ai limiti di legge.

La Raffineria propone adesso di redigere «un esaustivo studio dell’impatto sanitario». Ci sta pensando adesso? Le linee guida di ISPRA (il braccio tecnico del Ministero dell’Ambiente) prevedono che la Valutazione dell'impatto sanitario sia un compito del Gestore, che avrebbe dovuto presentarla contestualmente alla domanda di rinnovo dell'autorizzazione, ovvero nel 2016.

Adesso quindi di cosa si lamenta la Raffineria? Invece di arrampicarsi sugli specchi inizi a predisporre gli investimenti necessari a garantire la salute dei cittadini e dei lavoratori, rispettando le prescrizioni individuate dai Comuni di Milazzo e San Filippo del Mela.


Riceviamo e Pubblichiamo

A.D.A.S.C.
Comitato dei cittadini contro l’inceneritore del Mela